Cos'è il made in Italy.

Ogni nazione ha il suo marchio distintivo che caratterizza i propri prodotti e li fa risaltare per le loro caratteristiche esclusive: il Made in Germany per esempio è sempre stato sinonimo di robustezza ed affidabilità, il Made in USA è il segno dell’innovazione e l’avanguardia del prodotto; Il Made in Japan simbolizza l’alta tecnologia e la funzionalità; il Made in Italy è uno dei primi brand conosciuti e apprezzati grazie alla mondopera, alla creatività e alla maestria che si esprimono principalmente nelle aree dell'abbigliamento, arredamento, automazione meccanica, agroalimentare

Il made in Italy è stato e rappresenta tuttora un enzima fondamentale e una grande risorsa della società italiana costruendo un percorso intellettuale e culturale di grande spessore e respiro.

by Laura Biaggiotti

Purtroppo recentemente il Made in Italy è stato vittima di molte contraffazione da parte di coloro che, approfittando vergognosamente del prestigio del marchio, lo hanno utilizzato con prodotti di scarsa qualità la cui fabbricazione è costata solo pochi euro al pezzo (spesso sfruttando bambini innocenti, costretti a lavorare per molte ore al giorno) e che vengono poi venduti nei mercati locali a prezzi di molti inferiori a quelli degli articoli autentici MadeinItaly.

Ma che cosa significa esattamente il marchio “Made in Italy”? Significa che un prodotto è interamente realizzato in Italia, dalla progettazione e il lavoro su carta, fino al prodotto finito. Il mondo è cambiato negli anni e il «Made in Italy» ha avuto sempre più bisogno di definizioni e tutele giuridiche puntuali, regole come riparo da contraffazioni, truffe, concorrenze sleali; da false o fallaci indicazioni d'origine che inducono in errore i consumatori.Sfortunatamente in molti casi i prodotti possono portare il nome Made in Italy anche quando sono, invece, realizzati quasi interamente all’estero! Articoli prodotti per pochi euro, in molti laboratori dove è frequente l’uso di clandestini, manodopera a basso costo costretta a lavorare di notte e in condizioni scandalosamente disumane e non igieniche, senza alcuna assistenza sociale o una remunerazione adeguata, possono poi essere importati in Italia, dove viene aggiunto il Made in Italy e venduti nei migliori negozi a prezzi davvero esorbitanti.

Questa situazione non può far a meno di penalizzare le piccole e medie imprese che invece producono il puro Made in Italy da generazioni e che vorrebbero continuare a farlo, offrendo i loro prodotti ad una clientela che sa apprezzare veramente la qualità italiana, un prodotto di alta qualità prodotto dal vero artigianato, completamente fatto in Italia con costi di produzione piuttosto alti ma con la soddisfazione giornaliera di garantire un prodotto permeato con la vera essenza dell’Italia: l’arte e la bellezza. Ovviamente la decisione di mantenere l’intero processo produttivo in Italia comporta costi di gestione molto più elevati: i lavoratori sono artigiani professionisti che sono retribuiti il giusto coni benefici e i contributi previsti dalla legge; le macchine devono garantire un elevato livello di finitura e devono essere quindi controllate regolarmente ed eventualmente rimpiazzate; i materiali hanno un determinato costo che varia a seconda dell’andamento economico del paese. L’intera produzione in Italia, che garantisce la migliore qualità dei materiali, una selezionata forza-lavoro altamente qualificata e completamente italiana, è un prodotto 100% Made in Italy che inevitabilmente ha prezzi più alti perché maggiori sono i costi relativi alla gestione.